music won't save you

old_joy_it_slowly_disappearsOLD JOY – It Slowly Disappears
(Soft Corridor, 2013)

Nonostante il suo progetto personale Old Joy debutti sulla lunga distanza solo ora attraverso la connazionale etichetta Soft Corridor, il belga Sébastien Monnoye è tutt’altro che un artista alle prime armi, avendo cominciato a suonare fin dagli anni ’90 in diverse band e collettivi impegnati nell’improvvisazione elettronica.
Tale esperienza, unita a quella successiva di compositore di colonne sonore, musica per installazioni visuali e performance di danza, si percepisce distintamente nelle dodici tracce che formano l’articolato puzzle di “It Slowly Disappears”. Nell’ora abbondante del lavoro Monnoye solca infatti molteplici terreni della musica elettronica, di volta in volta declinata secondo avvolgenti prospettive ambientali, sinuose pulsazioni e vibrazioni ritmiche brillanti.

Nonostante le note pianistiche cadenzate e i morbidi loop dell’iniziale “La Mélancolie Quotidienne” lascino preludere a un’opera di romanticismo neoclassico, il percorso di “It Slowly Disappears” si attesta invece su una pluralità di piani…

View original post 160 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...